Vedi tutti

Gli ultimi messaggi del Forum

Il tuo sguardo illumina il mondo - Susanna Tamaro

Sempre deliziosa la scrittura della Tamaro e questa volta anche particolarmente coraggiosa, visto che parla apertamente della sua malattia che l’accompagna, praticamente da quando ne ha memoria. Mi ha colpito una descrizione che fa della sindrome di Asperger: “Dentro di me ogni mattina apparecchio una tavola. C’è molto ordine nel disporre le stoviglie, prima il piatto, poi il bicchiere, il pane, le posate ai lati, in mezzo al tavolo la brocca dell’acqua, magari vicino un piccolo vaso con un fiore. Poi qualcuno, all’improvviso, dà un violento strattone alla tovaglia e tutto vola a terra con gran frastuono di metallo cocci e vetri.” Grande letteratura che potrebbe essere utilizzata anche come descrizione dei sintomi della malattia in un'enciclopedia medica. Il libro è idealmente scritto a quattro mani in memoria dell’amico poeta Pierluigi Cappello, morto prematuramente e del quale riporta alcuni brani ed alcune poesie. E’ un ripercorrere la loro vita e la loro amorevole amicizia, ricca di momenti emotivamente intensi, ma anche difficili per la loro fragile condizione umana.

La mano di ferro - Lindsey Davis

La prosa della Davis non mi ha convinto: alcuni episodi sono inutili alla storia e l'autrice esplicita le emozioni dei personaggi anche quando sono facilmente desumibili dai dialoghi rendendo il tutto un po' pesante. Ha però avuto il pregio di portarmi nella Roma imperiale. Non credo che leggerò le altre storie dell'investigatore Didio Falco.

Urfaust - Volfango Goethe

Bellissima edizione con un ricco commento. Per quanto riguarda il testo, Urfaust è un piccolo capolavoro su cui si ssvilupperà negli anni seguenti l'opera "totale" di Goethe, da leggere!

Il presidente è scomparso - di Bill Clinton e James Patterson

La maestria di Patterson, unita all’esperienza diretta di Clinton, hanno generato un thriller avvincente, interessante e, naturalmente, verosimile. Viene immaginato il più pericoloso attacco di cyberterrorismo che abbia mai minacciato gli Stati Uniti. Gli ingredienti ci sono tutti, spionaggio, controspionaggio, intrecci internazionali, tradimenti, clamorosi colpi di scena. Protagonista assoluto e solitario, il presidente Duncan che, pur ammalato, deve gestire in primis la delicata situazione, facendo delle scelte a volte difficili e dolorose. A parte la storia, è molto interessante anche la descrizione dei vari protocolli cui deve sottoporsi un presidente degli Stati Uniti, praticamente in ogni situazione di emergenza e gli ambienti in cui si sviluppa l’azione. Da leggere anche per alcune considerazioni politiche finali, sempre molto attuali, per la parte che riguarda specialmente la protezione dagli hacher del sistema elettorale.

Lettere - Charlotte, Emily e Anne Brontë

Interessante raccolta di lettere con netta prevalenza di epistole di Charlotte: se da un lato avrei preferito ci fossero tante lettere di Charlotte quante di Emily ed Anne, dall'altro questo mi ha permesso di conoscere meglio la maggiore delle sorelle e di rivalutarla molto. Consigliato!

R: Villette - Charlotte Brontë

Meraviglioso romanzo. Scrittura sublime.
Ho letto in passato con grande trasporto Jane Eyre. Villette mi ha coinvolta ancora di più.
Bravissima scrittrice Charlotte Bronte