Vedi tutti

Gli ultimi messaggi del Forum

Dal big bang ai buchi neri - Stephen W. Hawking

Molto scorrevole. Non ci sono equazioni e nemmeno un linguaggio eccessivamente tecnico. Tutte le nozioni scientifiche sono ben spiegate in maniera semplice che anche "l'uomo della strada" possa capire i concetti di base. Sono presenti anche piccoli espedieti della vita dell'autore. Consiglio di leggerlo a tutti coloro che non hanno la minima idea dello spazio e a coloro che dopo troppe equazioni non riescono più a vedere la bellezza dei concetti concreti.

R: Quando l'amore nasce in libreria - Veronica Henry

Un romanzo assolutamente da leggere, un sapiente intreccio di vite intorno ad una biblioteca che ha saputo dare fin dall'inizio, grazie a chi stava al di là del bancone, un conforto e un aiuto tangibile a chiunque entrasse dalla porta. Bellissimo, toccante, dolce ma soprattutto una lettura che ti resta dentro anche dopo averla conclusa. Unica pecca se così vogliamo dire, é la trasposizione del romanzo, cioè da una casa editrice come la Garzanti non ti aspetteresti errori grossolani e piccole parti mancanti di testo che a volte rallentano la lettura, nonostante l'inconsapevole sabotaggio, queste chiamiamole sviste, non hanno tolto l'atmosfera magica al romanzo. Consigliato.

In vacanza con il morto - Robin Stevens

Meraviglioso seguito per una serie strepitosa. Anche in questo nuovo caso le nostre protagoniste si cimenteranno in nuovi incredibili indagini alla scoperta dell'assassino ma questa volta non saranno completamente sole e la soluzione non sarà facile anzi... Divertente ed emozionante tanto quanto un poliziesco per adulti questo secondo romanzo, come per l'intera serie che spero le biblioteche acquisteranno, é un bellissimo connubio tra le celluline grigie di Poirot e l'astuzia ed intraprendenza di Sherlock Holmes. Consigliato ad un pubblico giovane e non....

Il tesoro di Gengis Khan - di Clive Cussler e Dirk Cussler

19esimo libro sulle avventure di Dirk Pitt. Questa volta l'avventura è del senior, anche se i figli ne hanno una piccolina. L'avventura inizia sul lago Baikal per poi spostarsi sulla desolata e misteriosa Mongolia. Come al solito le imprese di Dirk, Al e Rudi scuotono dalla quotidianità e permettono di vivere un'avventura durante la tranquillità della nostra vita! Con un po' di mare, di intrighi economici, burocrazia politica e molta intraprendenza, lo consiglio a coloro a cui va di leggere qualcosa di avventuroso ma realistico.

Complimenti per la sezione "Percorsi"

Buonasera, é da un paio di giorni che curioso tra le varie sezioni dell'OPAC e volevo complimentarmi per l'idea che avete avuto di inserire nell'area "Percorsi" una voce dedicata ai Premi Letterari: http://opac.provincia.padova.it/premi-letterari/
La trovo un'informazione utilissima in quanto permette di visionare, in modo facile e intuitivo, tutti i libri che han vinto premi famosi italiani e son reperibili nel sistema.
Inoltre mi chiedo se fosse possibile, nel tempo, inserire anche una lista dedicata ai Premi Pulitzer e ai premi Nobel per la Letteratura cosí poi ho da leggere per anni ;)
Grazie e complimenti ancora

Re: Parigi è sempre una buona idea - Nicolas Barreau

È un libro leggero, dalla scrittura scorrevole ma decisamente troppo scontato. Certo non c’è il solito triangolo - lui, lei e l’altro - ma mentre la lettura scorre si sa già cosa succederà, nelle pagine seguenti. Alcuni dettagli sono davvero irritanti: il celeste ovunque, le scene di finta arrabbiatura, lei che mangia brioche tutti i giorni - bevendo, fumando - pur avendo un forma fisica perfetta.
Un libro romanticamente farcito di stereotipi parigini!

Omicidi per signorine - Robin Stevens

Meraviglioso esempio di romanzo giallo per ragazzi, divertente, pauroso, ma soprattutto pieno zeppo di misteri, che le due protagoniste cercheranno di svelare in tutti i modi. Scritto molto bene, in modo semplice ma allo stesso tempo niente affatto banale. Devo dire che arrivare al colpevole non é facile ed è stato anzi arduo e sorprendente. Consigliato ai più giovani e non...

Meglio dirselo - Daria Colombo

Stilelineare e semplice. La trama potrebbe risultare banale, ma non mancano spunti di riflessione sul tempo che passa, il rapporto con i genitori, la malattia.

Rinascita - Sophie Jomain

É sicuramente il più movimentato e avvincente dei tre forse anche perché la storia si articola sempre più e i colpi di scena ormai sono davvero tanti. Veramente ben scritto e coinvolgente per trattare temi come vampiri e lupi non annoia ma attrae perché non sono le stesse storie ma c'è più folklore più ricerca da parte dell'autrice sui miti e le leggende. Restando in attesa del quarto capitolo mi sento sicura di consigliare questa serie soprattutto agli amanti del mondo vampiresco e mannaro.

Le otto montagne - Paolo Cognetti

La bravura di Paolo Cognetti è stata quella di ambientare in montagna una storia di amicizia inserita in un contesto di difficili rapporti fra padri e figli, usando un linguaggio semplice, lineare, elegante, ma nello stesso tempo suadente ed incisivo. Niente da condividere con la retorica dei grandi alpinisti del passato o con le filippiche più attuali di un Corona, ma autore di un romanzo che ha sfondato in tutto il mondo raggiungendo soprattutto un pubblico eterogeneo e non esclusivamente la stretta cerchia degli appassionati di montagna. Devo dire che ho trovato molto interessante il rapporto fra il protagonista e suo padre, una figura quest’ultima estremamente complessa, ma che alla fine è riuscita, pur in maniera travagliata e indiretta, nell’intento di trasmettere al figlio la sua grande passione per la montagna. Una passione non prettamente sportiva, come lui avrebbe desiderato, ma soprattutto spirituale e meditativa. Stupende certe descrizioni ambientali, molto profondi alcuni spunti di riflessione come quello svolto sul torrente quando l’autore scrive che se il punto in cui ti immergi è il presente, il passato è a valle ed il futuro a monte. L’unica cosa che non mi ha preso, forse perché non sono riuscito a capirla bene, è stata la storia che ha dato il titolo all’opera e cioè che in Nepal si dice che il mondo sia una ruota ad otto raggi con in mezzo una montagna altissima circondata appunto da otto montagne, separate da otto mari. Quando lo rileggerò, perché per uno che ama la montagna è un libro da rileggere, spero di venirne a capo.