Community » Forum » Recensioni

L'anima della frontiera
4 1 0
Righetto, Matteo

L'anima della frontiera

Milano : Mondadori, 2017

  • Copie totali: 44
  • A prestito: 37
  • Prenotazioni: 1

Abstract: Alto Veneto, ultimi anni dell'Ottocento. I De Boer coltivano con perizia e immane fatica pregiatissimo tabacco e Augusto, il capofamiglia, si avventura oltreconfine per contrabbandare l'eccedenza sfuggita ai rigidi controlli del monopolio di Stato. La primogenita Jole ha quindici anni quando Augusto decide che è giunto il momento di portarla con sé in Austria: qualcun altro deve conoscere la strada. Non passerà molto tempo prima che Jole si trovi a dover compiere il viaggio da sola, insieme al suo adorato cavallo, armata del fedele fucile del padre e di tutti i ricordi del cammino fatto insieme. Inoltrandosi con solenne lentezza in una natura maestosa, rifugio accogliente e poi, d'un tratto, trappola insidiosa, Jole cerca di portare al sicuro il carico e nel frattempo di comprendere cosa sia successo al padre, che tre anni prima non era più tornato a casa proprio dopo una spedizione in Austria. In questo mitico ma completamente realistico "viaggio dell'eroe", Jole si troverà ad affrontare tutto il male che alberga nel cuore degli uomini e scoprirà in sé risorse inattese.

66 Visite, 1 Messaggi
Leopoldo Roman
69 posts

Ho letto questo libro con il recondito desiderio di rivivere l’ambiente della storia di Tonle, ripercorrendo i suoi sentieri fra le masiere del canale del Brenta e le scogliere del Monte Grappa. Una storia di confine, di contrabbandieri, di povertà, di delitti commessi e desiderati. Naturalmente la bravura di Mario Rigoni Stern è irraggiungibile come pure le sue poetiche descrizioni, ma devo dire che Matteo Righetto non mi ha deluso. La storia di Augusto e di sua figlia Jole mi ha appassionato al punto giusto. L’ambientazione è realistica, come pure i personaggi. Mi ha particolarmente colpito la malvagità di alcuni protagonisti secondari quali il ricettatore ed il carbonaio, peraltro caratteristica di quegli ambienti e di quell’epoca (fine ottocento). Non lo definerei però un western letterario come potrebbe sembrare dalla copertina e come indicato in prefazione. Con la frontiera americana quella italo-austriaca non aveva nulla da spartire.

  • «
  • 1
  • »

1842 Messaggi in 1539 Discussioni di 276 utenti

Attualmente online: Ci sono 11 utenti online