Il fondo della bottiglia
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Simenon, Georges

Il fondo della bottiglia

Abstract: Accade molto di rado che Simenon segnali che i personaggi e gli eventi da lui narrati sono «puramente immaginari e privi di qualsiasi riferimento a persone viventi o defunte». Per capire come mai in questo caso ne abbia sentito il bisogno occorre tornare al 1945, quando al fratello Christian, condannato a morte in contumacia per aver coadiuvato le SS in una spedizione punitiva che aveva fatto ventisette vittime, Georges aveva consigliato di arruolarsi nella Legione straniera: un modo per scomparire, certo, e per riscattarsi - ma anche, cambiando cognome, per non compromettere lo scrittore ormai celebre con una parentela imbarazzante. «E colpa tua! Lo hai ucciso tu!» si sentì rinfacciare dalla madre allorché, ai primi di gennaio del 1948, lo stesso Georges le comunicò la morte, nel Tonchino, del figlio preferito. Nei mesi immediatamente successivi, quasi volesse espellere i propri fantasmi, Simenon scrisse due dei suoi romanzi più neri e potenti: "La neve era sporca" e "Il fondo della bottiglia". In quest'ultimo, uno stimabile avvocato, che è riuscito, partendo dal basso, a conquistarsi un posto nella ristretta comunità dei notabili di Nogales, al confine tra gli Stati Uniti e il Messico, vede vacillare tutte le sue certezze quando gli compare davanti, evaso dal carcere in cui scontava una condanna per il tentato omicidio di un poliziotto, il fratello minore - quello debole, irresponsabile, sfortunato, eppure dotato di un inquietante potere di seduzione -, che gli chiede di aiutarlo a passare la frontiera. Nel piccolo mondo costituito dai ricchi proprietari dei ranch l'arrivo dell'estraneo scatena una sorta di psicodramma, che culminerà in una vera e propria caccia all'uomo, mentre, fra odio è amore, rancori e sensi di colpa, sbronze e scazzottate, si consuma la resa dei conti tra i due fratelli. «In fondo P.M. non conosceva per niente il fratello. A parte qualche vago ricordo d'infanzia, lo conosceva meno di un estraneo appena incontrato. A Emily Donald chiedeva regolarmente soldi, no? Nelle sue tasche dovevano essere finiti tutti i risparmi della sorella. Di sicuro la impietosiva con qualche frase ben congegnata, le parlava di Mildred, dei bambini. Probabilmente aveva provato a batter cassa anche dal padre. «Quelli come lui, che parlano con compiacimento della propria sfortuna e della propria onestà, credono che tutto gli sia dovuto».


Titolo e contributi: Il fondo della bottiglia / Georges Simenon ; traduzione di Francesca Scala

Pubblicazione: Milano : Adelphi, 2018

Descrizione fisica: 176 p. ; 22 cm

Serie: Biblioteca Adelphi ; 680

ISBN: 978-88-459-3238-0

Data:2018

Lingua: Italiano (lingua del testo, colonna sonora, ecc.)

Paese: Italia

Altri titoli:
  • Le fond de la bouteille
  • Il fondo della bottiglia
Serie: Biblioteca Adelphi ; 680

Nomi: (Autore)

Classi: 843.9 NARRATIVA FRANCESE, 1900-

Dati generali (100)
  • Tipo di data: monografia edita in un solo anno
  • Data di pubblicazione: 2018
  • Target: adulti, generale
Testi (105)
  • Genere: fiction

Sono presenti 11 copie, di cui 10 in prestito.

Biblioteca Collocazione Inventario Stato Prestabilità Rientra
Casale di Scodosia G 843.9 SIM CSC-14074 In prestito 03/05/2018
Teolo G 843.9 SIM TEO-17896 In prestito 22/06/2018
Mestrino G 843.9 SIM MES-26106 In prestito
Abano Terme G 843.9 SIM ABT-91021 In prestito 05/06/2018
Cadoneghe G 843.9 SIM CAD-26750 In prestito
Limena G 843.9 SIM LIM-31604 In prestito 20/06/2018
Monselice G 843.9 SIM N MON-40221 In prestito 08/06/2018
Camposampiero Generale 843.9 SIM CSP0-28112 In prestito 04/06/2018
Vigodarzere 843.9 SIM VGD-22733 In prestito 22/06/2018
Piazzola sul Brenta G 843.9 SIM PSB-27151 Su scaffale Novità locale 60gg
Santa Giustina in Colle Bibl. Centrale N Giallo SIM SGC0-11128 In prestito 12/06/2018
Vedi tutti

Ultime recensioni inserite

Nessuna recensione

Condividi il titolo
Codice da incorporare

Copia e incolla sul tuo sito il codice HTML qui sotto.