Creato il 13/01/2015 12:36pm

(senza descrizione)

Trovati 80 documenti.

Quando Hitler rubò il coniglio rosa
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Kerr, Judith

Quando Hitler rubò il coniglio rosa / Judith Kerr ; introduzione di Maria Buitoni Duca ; illustrazioni dell'Autrice

Milano : Biblioteca universale Rizzoli, 1976

BUR. - Biblioteca Universale Rizzoli

  • Copie totali: 3
  • A prestito: 0
  • Prenotazioni: 0
Soldatini di piombo
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Orlev, Uri

Soldatini di piombo / Uri Orlev ; postfazione di Antonio Faeti

Milano : [BUR], 2010

BUR ragazzi. - BUR ; 34

  • Copie totali: 3
  • A prestito: 0
  • Prenotazioni: 0

Abstract: Yurek e Kazik sono due fratellini ebrei a cui la persecuzione nazista sta portando via tutto, anche le persone più care. Ma non il gioco, il loro gioco preferito. Mentre tutto cambia e la solitudine avanza, i soldatini di piombo li aiutano a rimanere disperatamente attaccati alla loro infanzia. Una vicenda tesa e commovente, raccontata per episodi e immagini, seguendo lo sguardo sincero e nonostante tutto ottimista di due bambini. Età di lettura: da 12 anni

Il tempo delle parole sottovoce
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Grobéty, Anne Lise

Il tempo delle parole sottovoce / Anne-Lise Grobéty ; traduzione di Sergio Claudio Perroni

Milano : Bompiani, 2002

AsSaggi di narrativa. - Bompiani

  • Copie totali: 2
  • A prestito: 0
  • Prenotazioni: 0

Abstract: Due bambini, figli di due amici inseparabili di vecchia data, si promettono a loro volta eterna amicizia, e giurano che niente potrà mai separarli. Ma arriva il tempo in cui non è possibile parlare a voce alta, si può solo sussurrare: i nazisti conquistano il potere, e uno dei due uomini, ebreo, è costretto a fuggire con la sua famiglia. Nella tragedia della storia si consuma così il dramma di una violenta separazione, incomprensibile per i due bambini. La famiglia ebrea viene deportata, ma riesce a lasciare agli amici la figlia più piccola, strappandola al suo atroce destino.

I giorni della mia giovinezza
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Novac, Ana

I giorni della mia giovinezza / Ana Novac ; traduzione di Francesco Saba Sardi

Milano : A. Mondadori, 1994

Supertrend. - A, Mondadori

  • Copie totali: 6
  • A prestito: 0
  • Prenotazioni: 0
Il bambino con il pigiama a righe
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Boyne, John - Boyne, John

Il bambino con il pigiama a righe / John Boyne ; traduzione di Patrizia Rossi ; illustrazioni di Gianni De Conno

Milano : Rizzoli, 2009

  • Copie totali: 6
  • A prestito: 1
  • Prenotazioni: 0

Abstract: Bruno è un bambino di nove anni, figlio di un comandante delle SS, completamente all'oscuro della realtà della guerra e di quanto avviene nella Germania nazista. Un giorno incontra un bambino ebreo, Shmuel, chiuso in un luogo circondato da un recinto. Nonostante ci sia una rete a dividerli, giorno dopo giorno tra i due bambini cresce un'amicizia segreta così forte che li porterà a condividere un uguale destino. Età di lettura: da 12 anni

L'isola in via degli uccelli
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Orlev, Uri

L'isola in via degli uccelli / Uri Orlev

Firenze : Salani, 1993

Le linci. - Salani ; 17

  • Copie totali: 11
  • A prestito: 2
  • Prenotazioni: 0

Abstract: La seconda guerra mondiale infuria per l'Europa e in Polonia la vita, già difficile per tutti, è per gli ebrei pressoché insopportabile. E Alex è, appunto, ebreo. Sua madre è scomparsa nel nulla e suo padre è stato prelevato dalle SS e fatto partire per una destinazione ignota. Rimasto solo Alex si è rifugiato in un edificio abbandonato, al numero 78 di Via degli Uccelli, e dalla sua isola segreta esce solo di notte, per procurarsi il cibo. Finché, un giorno, Alex ode delle voci: degli sconosciuti si sono introdotti nel palazzo. Il coraggio, l'eroismo perfino, non sono insoliti in tempo di guerra, ma Alex ha appena undici anni, e la sua è la storia di come la nuda forza di volontà riesca talvolta ad avere la meglio sulla crudeltà e l'ingiustizia.

L'orsetto di Fred
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Argaman, Iris

L'orsetto di Fred / Iris Argaman ; disegni di Avi Ofer ; traduzione di Elena Loewenthal

Roma : Gallucci, 2017

  • Copie totali: 3
  • A prestito: 1
  • Prenotazioni: 0

Abstract: “Alla fine della guerra andammo in America. Fred diventò grande, si sposò ed ebbe dei figli. Un giorno squillò il telefono: Salve Fred, presterebbe il suo orsetto allo Yad Vashem, qui a Gerusalemme? Così i bambini potranno conoscere la sua storia. Debbo chiedere a lui, rispose Fred, io e l’Orsetto non ci siamo mai separati. Poi Fred mi prese fra le mani e mi disse: Orsetto, tu sei il mio migliore amico. Mi hai sempre protetto nei momenti più difficili. Te la senti di viaggiare? E io risposi di sì”. La storia dell’Orsetto e del suo padroncino Fred, il racconto di un’amicizia profonda negli anni tragici della Seconda guerra mondiale. A narrarla è proprio l’Orsetto, che per tutto il tempo ha tenuto compagnia al bambino dalla tasca del cappotto o sul davanzale di una finestra. Da lui apprendiamo come e perché i genitori di Fred furono costretti a nascondere il figlio (e con lui l’Orsetto) presso altre famiglie, del loro lungo peregrinare e della persecuzione nazista degli ebrei. Entrambi sono sopravvissuti alla Shoah. Fred ha poi lasciato l’Olanda e da allora vive negli Stati Uniti. L’Orsetto dà testimonianza della sua storia di sopravvissuto allo Yad Vashem, il memoriale dell’Olocausto a Gerusalemme. Età di lettura: da 5 anni.

Ho vissuto mille anni
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Bitton-Jackson, Livia

Ho vissuto mille anni : crescere durante l'olocausto / Livia Bitton Jackson ; postfazione di Antonio Faeti

Milano : Fabbri, 2001

I delfini

  • Copie totali: 6
  • A prestito: 0
  • Prenotazioni: 0

Abstract: Il libro è il diario di Elli Friedman, ragazzina tredicenne ai tempi dell'invasione tedesca dell'Ungheria nel 1944. Deportata ad Auschwitz, la piccola Elli si trova di fronte all'orrore di un campo di sterminio. Riesce però a salvarsi e nelle pagine del suo diario racconta la vita quotidiana nel campo di concentramento, mettendo l'accento sui piccoli giochi del destino che le hanno permesso di uscirne viva. Età di lettura: da 12 anni.

Io sono l'uomo selvatico
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Quarzo, Guido

Io sono l'uomo selvatico / Guido Quarzo ; postfazione di Antonio Faeti ; illustrazioni di Francesca di Chiara

Milano : [BUR], 2012

BUR ragazzi. - BUR ; 45

  • Copie totali: 3
  • A prestito: 0
  • Prenotazioni: 0

Abstract: Martino è incantato dai racconti della nonna sul Selvatico, un gigante barbuto e leggendario che vive nascosto sulle montagne. Di lui si narrano molte cose. Si dice per esempio che ha scoperto per primo quanto sono buone le castagne. Che si fa vedere in paese solo il giorno del suo compleanno, quando scambia formaggio di capra con pane e biscotti. E che forse il suo vero nome è Giuseppe, come quel bambino nascosto in una grangia di pastori, tanti anni fa. Età di lettura: da 8 anni

Jacob, il bambino di creta
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Salvatici, Andrea

Jacob, il bambino di creta / Andrea Salvatici ; illustrazioni di Eleonora Marton

San Dorligo della Valle : Einaudi ragazzi, 2010

Einaudi ragazzi. Storie e rime ; 420

  • Copie totali: 2
  • A prestito: 0
  • Prenotazioni: 0

Abstract: Un mattino di ottobre del 1943 molti bambini romani furono deportati con tutti i loro familiari verso uno dei luoghi più tetri del mondo. Non avrebbero fatto ritorno. Ma di quegli stessi avvenimenti esiste un altro racconto, che finisce in ben altro modo e parla di un bambino di creta, vivo come noi, che parte alla ricerca di Marco, uno dei bambini romani di quel mattino di ottobre. Se è vero che la storia è storia e guai a dimenticarla, neanche va dimenticato il mondo di Jacob, in cui noi vogliamo vivere, dove chi si vota a far male finisce sconfitto e disperso. Età di lettura: da 9 anni.

Viola dei 100 castelli
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Nanetti, Angela

Viola dei 100 castelli / Angela Nanetti

Firenze [etc.] : Giunti junior, 2016

Colibrì

  • Copie totali: 9
  • A prestito: 0
  • Prenotazioni: 0

Abstract: In "Viola dei 100 castelli", Angela Nanetti intreccia la tragedia dell'Olocausto con la difficile vita di una bambina "diversa", a raccontarci quanto il desiderio di resistere e la voglia di vivere possano aiutare a superare ogni difficoltà. Viola vive in una casa famiglia, una storia difficile alle spalle, una grande immaginazione e tanto coraggio nel cuore. Un incontro fortuito con un cane in fuga e un anziano misterioso, che scoprirà essere sopravvissuto al lager, in una cantina abitata da una macchia sul muro e da un pipistrello, teneri testimoni delle sue vicende, le cambieranno la vita. Età di lettura: da 7 anni.

Mi ricordo Anna Frank
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Gold, Alison Leslie

Mi ricordo Anna Frank : riflessioni di un'amica d'infanzia / Alison Leslie Gold ; traduzione di Francesca Ilardi

Milano : Bompiani, 1999

I delfini

  • Copie totali: 9
  • A prestito: 1
  • Prenotazioni: 0

Abstract: Hannah è la migliore amica di Anna Frank. Entrambe ebree, si conoscono fin dall'asilo. Quando la persecuzione razziale contro gli ebrei arriva ad Amsterdam, Anna Frank e la sua famiglia spariscono. Ai vicini fanno sapere di essere al sicuro, in Svizzera. E Hannah, nell'attraversare con i suoi cari l'orrore dei campi di concentramento, è certa che ad Anna sia toccato un destino migliore. Età di lettura: da 9 anni.

La stagione delle bombe
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Kerr, Judith

La stagione delle bombe / Judith Kerr ; traduzione di Giulia De Biase

Milano : Rizzoli, 2010

  • Copie totali: 5
  • A prestito: 1
  • Prenotazioni: 0

Abstract: Anna arriva a Londra con la sua famiglia, sfuggendo alle persecuzioni razziali. Crede di essere in salvo, ma le cose non sono così semplici: il Blitz devasta la città, i tedeschi vengono guardati con sospetto, c'è una vita da ricostruire. La ragazza trova consolazione nel disegno, scoprendo di possedere un talento insospettato, e vive il suo primo amore. È con tutto questo nel cuore che tornerà nella Berlino distrutta dalla guerra, alla ricerca delle sue radici. Età di lettura: da 12 anni.

La stanza segreta di Anna Frank
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Dogar, Sharon - Dogar, Sharon

La stanza segreta di Anna Frank / Sharon Dogar ; [traduzione dall'inglese di Valeria Galassi]

Roma : Newton Compton, 2012

Nuova narrativa Newton ; 334

  • Copie totali: 5
  • A prestito: 0
  • Prenotazioni: 0

Abstract: Amsterdam, 1944. Peter, un giovane ebreo, per sfuggire alle persecuzioni naziste è costretto a nascondersi in un rifugio segreto insieme ai genitori e alla famiglia Frank. Per quelle otto persone rinchiuse in uno spazio angusto, l'esistenza è monotona e lenta, segnata della paura che piano piano si impossessa di loro. Unica luce nel buio dell'"Alloggio segreto" è Anna Frank: lei, infatti, vivace e arguta, tutta presa dalla scrittura del suo diario, non si lascia vincere dalla disperazione. Senza più contatti con il mondo esterno e privati della propria libertà, lei e Peter si confrontano, superano l'iniziale diffidenza e finiscono per innamorarsi, riuscendo a vivere, nonostante tutto, i turbamenti della loro età. Con uno stile diretto e penetrante, Peter consegna a queste pagine, come in un unico flashback, i ricordi del suo incontro con Anna, dai primi giorni d'isolamento fino agli istanti prima della propria morte, testimoniando, ancora una volta e con gli occhi di un ragazzo, l'orrore dell'Olocausto

La tregua
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Levi, Primo <1919-1987>

La tregua / Primo Levi

1. ed

Milano : Euroclub, 1997

  • Copie totali: 1
  • A prestito: 0
  • Prenotazioni: 0
L'uomo del treno
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Altieri, Fabrizio

L'uomo del treno / Fabrizio Altieri

Milano : Piemme, 2017

  • Copie totali: 8
  • A prestito: 4
  • Prenotazioni: 1

Abstract: L'Orso e quelli che lavorano per lui alla falegnameria sanno cosa stanno rischiando quando sostituiscono uno dei vagoni dei treni tedeschi che viaggiano verso i campi di sterminio. E la loro delusione è cocente nello scoprire che il vagone ha un solo passeggero, proprio l'unico che non voleva essere salvato. Andrea sta infatti disperatamente cercando di raggiungere la moglie e la figlia, portate via dal Ghetto di Roma, e viaggia con una valigia da cui non si separa mai... Lo spunto per il romanzo nasce da una storia vera, quella di Karol Borsuk, un matematico ebreo polacco che, radiato dall'Università di Varsavia, per sopravvivere durante l'occupazione nazista inventò un gioco da tavolo che si mise a produrre in casa propria e a vendere. Età di lettura: da 12 anni.

Il bambino con il pigiama a righe
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Boyne, John - Boyne, John

Il bambino con il pigiama a righe / John Boyne ; [traduzione di Patrizia Rossi]

Milano : BUR Rizzoli, 2013

Best BUR

  • Copie totali: 4
  • A prestito: 2
  • Prenotazioni: 0

Abstract: Leggere questo libro significa fare un viaggio. Prendere per mano, o meglio farsi prendere per mano da Bruno, un bambino di nove anni, e cominciare a camminare. Presto o tardi si arriverà davanti a un recinto. Uno di quei recinti che esistono in tutto il mondo, uno di quelli che ci si augura di non dover mai varcare. Siamo nel 1942 e il padre di Bruno è il comandante di un campo di sterminio. Non sarà dunque difficile comprendere che cosa sia questo recinto di rete metallica, oltre il quale si vede una costruzione in mattoni rossi sormontata da un altissimo camino. Ma sarà amaro e doloroso, com'è doloroso e necessario accompagnare Bruno fino a quel recinto, fino alla sua amicizia con Shmuel, un bambino polacco che sta dall'altro lato della rete, nel recinto, prigioniero. John Boyne ci consegna una storia che dimostra meglio di qualsiasi spiegazione teorica come in una guerra tutti sono vittime, e tra loro quelli a cui viene sempre negata la parola sono proprio i bambini

Il bambino con il pigiama a righe
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Boyne, John - Boyne, John

Il bambino con il pigiama a righe / John Boyne ; [traduzione di Patrizia Rossi]

Milano : BUR Rizzoli, 2009

BUR 24/7

  • Copie totali: 6
  • A prestito: 2
  • Prenotazioni: 0

Abstract: Leggere questo libro significa fare un viaggio. Prendere per mano, o meglio farsi prendere per mano da Bruno, un bambino di nove anni, e cominciare a camminare. Presto o tardi si arriverà davanti a un recinto. Uno di quei recinti che esistono in tutto il mondo, uno di quelli che ci si augura di non dover mai varcare. Siamo nel 1942 e il padre di Bruno è il comandante di un campo di sterminio. Non sarà dunque difficile comprendere che cosa sia questo recinto di rete metallica, oltre il quale si vede una costruzione in mattoni rossi sormontata da un altissimo camino. Ma sarà amaro e doloroso, com'è doloroso e necessario accompagnare Bruno fino a quel recinto, fino alla sua amicizia con Shmuel, un bambino polacco che sta dall'altro lato della rete, nel recinto, prigioniero. John Boyne ci consegna una storia che dimostra meglio di qualsiasi spiegazione teorica come in una guerra tutti sono vittime, e tra loro quelli a cui viene sempre negata la parola sono proprio i bambini. Età di lettura: da 12 anni.

Il bambino in cima alla montagna
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Boyne, John

Il bambino in cima alla montagna / John Boyne ; traduzione di Francesco Gulizia

Milano : Rizzoli, 2016

  • Copie totali: 25
  • A prestito: 5
  • Prenotazioni: 0

Abstract: Pierrot è ancora un bambino quando, rimasto orfano, deve lasciare la sua amata Parigi per andare a stare dalla zia in una bellissima e misteriosa magione tra le cime delle Alpi bavaresi. Ma quella non è una villa come le altre e il momento storico è cruciale: siamo nel 1935 e la casa in cui Pierrot si ritrova a vivere è il Berghof, quartier generale e casa delle vacanze di Adolf Hitler. Il Führer lo prende sotto la sua ala protettrice e Pierrot poco alla volta viene catturato da quel nuovo mondo che lo affascina e lo fa sentire speciale, un mondo di potere ma anche di segreti e tradimenti, in cui non capire dove sta il Bene e dove il Male può essere molto pericoloso. A dieci anni dalla pubblicazione del "Bambino con il pigiama a righe", John Boyne torna a parlare di una delle pagine più drammatiche del Novecento. Età di lettura: da 12 anni.

Ultima fermata: Auschwitz
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Sessi, Frediano

Ultima fermata: Auschwitz : storia di un ragazzo ebreo durante il fascismo / Frediano Sessi

San Dorligo della Valle : Einaudi ragazzi, 2016

Carta bianca

  • Copie totali: 3
  • A prestito: 1
  • Prenotazioni: 0

Abstract: Quando nel 1938, il regime fascista vara le leggi razziali, comincia per gli ebrei un periodo duro di persecuzione e segregazione. L'Italia fascista toglie agli ebrei ogni diritto, anche a coloro che si sono convertiti alla religione cattolica. È il caso del giovane Arturo Finzi, che in un diario racconta le tappe della sua progressiva segregazione sociale. Senza più mezzi di sostentamento, la sua famiglia è costretta a trasferirsi a Roma, dove, dopo l'8 settembre del 1943, vivrà il dramma dell'occupazione nazista e della deportazione ad Auschwitz. Nel libro, Arturo Finzi è un personaggio di fantasia che ricorda, con esattezza storica, il dramma di tanti ragazzi e ragazze ebrei italiani che hanno visto morire le loro speranze di vita e d'amore assai prima di ritrovarsi su un treno merci dirette al campo di sterminio di Auschwitz. Arturo non tornerà mai più alla vita. Con lui muoiono anche tutti i sogni e i progetti di una generazione di giovani, sconvolta dalla Shoah e dalla violenza estrema della storia. Età di lettura: da 12 anni.